Okkio alle trappole nei preventivi!

Di preventivi per la realizzazione di progetti Web oramai ne abbiamo fatti a centinaia, e fortunatamente buona parte di essi sono andati a buon fine.

C’è più di un aspetto che però dobbiamo spesso chiarire per rendere paragonabile la nostra proposta con quelle che, inevitabili, arrivavano al cliente della concorrenza.

Il primo riguarda la grafica del sito, e ne parliamo in questo articolo: Meglio un tema grafico pronto o un tema custom?

Un altro caso frequente è il seguente: il cliente chiede, senza specificare troppi dettagli, di poter pubblicare determinate informazioni nel sito.

Ci sono 2 modi di risolvergli il problema:

  • Proponendo una soluzione “statica”: predisporre una pagina dove il cliente andrà di volta in volta a pubblicare le informazioni aggiornate. Va bene se gli aggiornamenti al sito sono molto rari.
  • Proponendo una soluzione più completa e “dinamica”: predisporre una vera e propria gestione delle informazioni con pubblicazione automatica. Va bene se gli aggiornamenti al sito sono frequenti.

Molti nostri competitor fanno i preventivi considerando la prima opzione perché più economica, ma anche per incapacità a realizzare in modo efficace e conveniente una soluzione dimanica. Poi, non informano il cliente che si tratta di una soluzione “statica”, anche quando al cliente servirebbe una più comoda soluzione “dinamica”.

Noi questo aspetto lo chiariamo per correttezza sin da subito.

Esempio di soluzione STATICA

In ogni punto del sito dove le informazioni devono essere aggiornate, il cliente deve procedere con una modifica manuale tramite editor di testo.

Il testo deve essere modificato con l'editor di testo (questa è la modalità visuale - più pratica ma meno potente)
Il testo deve essere modificato con l’editor di testo (questa è la modalità visuale – più pratica ma meno potente)
Questa è invece la modalità "codice" dove si accede direttamente all'html - meno pratica ma più potente
Questa è invece la modalità “codice” dove si accede direttamente all’html – meno pratica ma più potente

Esempio di soluzione DINAMICA:

http://globalfashion.academy/ è il sito ufficiale di Global Fashion Academy, una accademia che propone servizi formativi ai parrucchieri.

  • L’Accademia ha un catalogo di circa 25 corsi divisi in 4 livelli di esperienza e 5 percorsi formativi.
  • Ogni corso può avere più appuntamenti durante l’arco dell’anno e si possono svolgere nella sede principale, nella sede distaccata, o in sedi di volta in volta differenti (appuntamenti itineranti).
  • Le date degli appuntamenti vengono variate spesso perché dipendono dal raggiungimento del quorum o da altre opportunità.
  • L’Accademia organizza anche Webinar e, dopo che si sono svolti, finiscono nell’archivio storico con relativa registrazione.

Tutte queste informazioni sono gestite dinamicamente dal sito. Il cliente:

elenco-corsiIn una area riservata ha accesso agli elenchi dei corsi, dei webinar e degli appuntamenti e dove con un click può scegliere di aggiungere, modificare o eliminare qualsiasi elemento.
form-chiareCon form chiare che lo guidano nella compilazione e controllano i dati inseriti, inserisce o modifica le informazioni senza possibilità di errore.
diffusione-automaqticaSe aggiunge o modifica un corso a catalogo, questo appare o si sposta da solo istantaneamente nei punti prefissati di tutto il sito in base al livello e al percorso formativo selezionati (il colore del corso è determinato in automatico in base al percorso formativo di cui fa parte). Viceversa se viene rimosso, scompare dovunque.
gestione-appuntamentiSe viene aggiunta o variata la data di un appuntamento, questo appare in ordine cronologico nei punti prefissati di tutto il sito in base alla data e alla location (il sistema divide gli appuntamenti in sede da quelli itineranti). Gli appuntamenti trascorsi scompaiono automaticamente soli dal sito lasciando il posto ai prossimi venturi.

Con una soluzione “statica”, la gestione delle informazioni da parte del cliente risulta differente:

  • Se aggiunge, modifica o rimuove un corso a catalogo, deve ripetere l’operazione in tutti quei punti del sito dove lo aveva pubblicato con alto rischio di errore e tempi lunghi.
  • Senza form che guidano nella compilazione, inserisce o modifica le informazioni con un’alta possibilità di errore.
  • Se viene aggiunta o variata una data di un corso, deve intervenire manualmente in tutte le parti del sito interessate con alto rischio di errore e tempi lunghi
  • Gli appuntamenti trascorsi restano nel calendario fino a quando non vengono rimossi manualmente.

E’ chiaro che la velocità negli aggiornamenti e la sicurezza di pubblicare informazioni corrette e aggiornate la può dare solo una gestione “dinamica” dei dati.

Pro e Contro tra le due soluzioni

Soluzione STATICA

PRO

  • Soluzione economica e veloce da realizzare

CONTRO

  • Alta probabilità di sbagliare la pubblicazione delle informazioni creando involontarie eccezioni
  • Necessità di conoscere bene l’Editor delle pagine del sito e spesso il linguaggio HTML
  • Tempi per gli aggiornamenti lenti soprattutto quando una stessa informazione deve essere aggiornata in più parti del sito
  • Alta probabilità di pubblicare informazioni datate perché gli aggiornamenti legati alle scadenze o disponibilità non sono automatici

Soluzione DINAMICA

PRO

  • Maschere che guidano nell’inserimenti delle informazioni per non sbagliare
  • Tempi di aggiornamenti veloci anche di più parti del sito contemporaneamente
  • Nessun editor o HTML da conoscere
  • Aggiornamento automatico di informazioni legate a scadenze o disponibilità

CONTRO

  • Soluzione meno economica con tempi di realizzazione più lunghi

Occhio quindi a quando si valutano i preventivi! La scelta tra una soluzione statica o dinamica deve essere fatta consapevolmente per evitare sorprese future.

Ulteriori approfondimenti su quali strumenti scegliere per il tuo sviluppo online, li riceverai subito richiedendo la Web Strategy Vincente.

Richiedi la Web Strategy Vincente!